venerdì 19 settembre 2014

Diserzioni 18 settembre: Aspettando il suono

ascoltando in silenzio
nascosto nel traboccante nulla
scrutando l'infinità di segni
che scorrono così poco leggibili
aspettando quel suono che richiama
l'attenzione oramai dispersa

Sorrow Leads To Salvation - Hide Your Face And Wait For A Sign (roo Remix)
19viii4: Victim [Rework 2013] Atmospheric
Saypex - Integrity Of Consciousness
ayln: Before The Next Perfect
Lbn667 - Perfect Other
Crush & Nyd - Desired Illusions
Falt Dl: Untitled 12
Akin - Ghost Orchid
William French: Sudden Revelation
Quok: Arrive
Bucky: Everyday
LOSTSVUND: Medusa

http://www.sherwood.it/media/6743/ed96d626742a810e/diserzioni_18-09-14.mp3

 


venerdì 12 settembre 2014

Diserzioni 11 settembre: Anima oscura

Quando la notte scende lentamente su di noi
quando la nebbia ci copre con la sua bianca veste
quando il silenzio governa imponente
quando riesci a sentire solamente
il suono della tua anima oscura

Crypted: Dark Soul
Prayer: Abyss
Ghosts Community: Ever Forget
Morly: Seraphese
Margari's Kid: Nebular
Honeyruin: Shroud
Loner: Dreamland
Finger In The Noise: You Tell Me
The Bug: Fall
Howie B: summer flowers

http://www.sherwood.it/media/6733/20ff34d9de986f0a/diserzioni_11-09-14.mp3

martedì 2 settembre 2014

Dedicato a chi non ha paura di ricominciare

E così ancora una volta, ricominciamo. 
A quasi 25 anni dalla prima emissione (ottobre 1989) e 10 anni dalla trasformazione di “The crystal ship” in “Diserzioni”.
 Ricominciamo per continuare a nutrire l'anima che fece nascere questa trasmissione tanti e tanti anni fa. Sembra un miracolo se ci guardiamo indietro: in un mondo dove niente viene fatto senza tornaconto, questa trasmissione è andata in onda senza interruzioni per 25 anni mossa solo dalla passione per il suono, contando solo sulla stima dei propri ascoltatori.
L'obiettivo è quello di continuare e cambiare, come sempre, come è cambiato e cambia radicalmente il mondo della musica e della radio: dalla puntina del giradischi all' mp3, dalla lettera manoscritta al social network, dalla ricerca dei vinili in mezza Europa all' intasamento dei link ai soundcloud e bandcamp... ne è passata di acqua sotto i ponti.
Ma eravamo, geneticamente e orgogliosamente, una trasmissione di nicchia.
 Un punto di vista non allineato.
Uno sguardo curioso e a volte indignato.
Vorremmo continuare ad esserlo.



 Questo significa continuare a ricercare sapendo che non ci sono più onde da seguire, non ci sono “new wave” da cavalcare come quando abbiamo iniziato e il surf rischia spesso di divenire zattera alla deriva nel desertoceano sonoro attuale.
Il compito è arduo, ma il naufrago non ha scelta ed un solo pensiero: La speranza di trovare un nuova terra. E siccome siamo senza bussola dobbiamo creare le condizioni che rendono possibile almeno il miraggio di  nuove scie da seguire.
Lo faremo usando quelle facoltà che più ci aiutato in tutti questi anni: la passione, la sensibilità e il desiderio. Lo faremo usando i nuovi strumenti d'informazione: non solo radio e podcast, ma anche le potenzialità che un portale multimediale mette a disposizione attraverso interviste, approfondimenti, recensioni, video...
Perche amiamo il suono. Non tutti i suoni ovviamente: solo quelli che smuovono qualcosa dentro l'anima e che riteniamo indispensabili.
Alla musica (all'idea che ne abbiamo) e alla nostra vita.

 

lunedì 21 luglio 2014

I cannocchiali del nostro tempo

Qualche tempo fa, mi è capitato di passare una piacevole serata in compagnia di alcuni giornalisti/critici musicali e una cosa appariva chiara dai loro discorsi:la musica se non è morta è sicuramente moribonda,  forse oggi è meglio riscoprire e far conoscere ai più giovani suoni dimenticati del passato.
Io invece insistevo invano che bisogna continuare a guardare avanti anche se tutto è diventato più complesso, sostenendo che con l'avvento della digitalizzazione niente può essere guardato come prima.
Subito mi è tornata alla mente una pagina molto bella: in “Vita di Galileo” diBertold Brecht, i padri della chiesa, invitati a guardare il suo cannocchiale per verificare la veridicità delle sue scoperte, rifiutano cortesemente di farlo.
Lungi da me fare improbabili paragoni, ma il mondo musicale in Italia spesso sembra come quei cardinali: preferiscono non vedere e non guardare pur di poter difendere il loro dogma.


Facciamo un esempio, Diserzioni propone ogni settimana dieci pezzi nuovi pescati nell'infinito oceano di suono e spesso mi sorprendono. Pur frutto di una ricerca parziale (non può essere altrimenti) e spesso trovandoli nelle produzioni “free download” questi musicisti riescono ad emozionarmi e a descrivere il sentire delle nuove generazioni meglio di ogni altra arte.
Forse sono io che sono preso da un trip allucinato, ma l'unico problema che ho è l'abbondanza di suoni che passano nel mio apparato uditivo e la difficolta sempre maggiore a selezionare.
La sensazione è quindi che non solo non si entra nel merito del cambiamento epocale che la musica ha subito, ma si ribadiscono e si dicono cose che si sarebbero potute dire anche prima della cosidetta rivoluzione liquida nella musica.
Sembra che il mondo musicale, almeno in Italia giri a vuoto su se stesso, non approfondendo mai niente come un moto perpetuo che serve a rafforzare stereotipi, luoghi comuni e status quo.
Per averne conferma basta dare un'occhiata ai servizi di televisioni o giornali a riguardo della musica, oppure vedere chi suona dal vivo in giro per il nostro paese quest'estate.
Naturalmente ci sono le eccezioni, ma oramai siamo rimasti in pochi quelli che non temono di guardare dentro i cannocchiali del nostro tempo. Anche a rischio di farvi vedere e farvi sentire cose sgradevoli, ma sicuri di non perpetuare le certezze e i dogmi dei cardinali della musica.



La trasmissione radio, ritorna a settembre. Diserzioni però non è solo questo, ma anche interviste, recensioni, approfondimenti, live report, racconti sul suono visto attraverso i cannocchiali del nostro tempo. "State tuned" Un ringraziamento di cuore al mio socio Mirco Salvadori e a tutta la foresta di Sherwood e allo staff di Radio Sandonà.

venerdì 18 luglio 2014

Diserzioni 17 luglio: Per sempre bambino

Guardare, ascoltare e scoprire
correre a perdifiato verso altro
verso il qualcosa che deve ancora venire
stupirsi ancora del volto del suono
per sempre bambino

Caught In the Wake Forever: Forever Children
Dakota Suite: Be My Love
Tempelhof & Gigi Masin: bowdown
Strie: Lascaux
Plastikman: EXpire
Recondite: Corvid
Gurnumsbug: Guilt
Jérôme Chassagnard: Somewhere
r.roo:  Far Beyond The Stars
Jan Amit: Spread Your Wings
Orlogin feat. Fifi Rong: Show Me

http://www.sherwood.it/media/6619/19f89f075ad23074/diserzioni_17-07-14.mp3


sabato 12 luglio 2014

Diserzioni 10 luglio: Burning streetlight

di mistero e di annullamento,
di rigenerazione e di incubo,
di limpidezza e di ombra,
di oscurità e di illuminazioni,
di abissi e percorsi raccontati
di strade e di lampioni brucianti

Vagrant: Burning Streetlight
Tapage: Seven
Apparat Ft Soup Skin - Goodbye (Serein Remix)
Demrus Ft Coma: Eva
Subsets Ft. Coma: Maybe I Need You
Dials: Mended
Phoria: Undone
Sqz Me: The Walls
Yakamoto Kotzuga: Feel You
Ghosts Of Paraguay: Love is Gone

http://www.sherwood.it/media/6591/32a668c8afdf5d31/diserzioni_03-07-14.mp3

martedì 8 luglio 2014

Teho Teardo, instancabile esploratore

 
Il suo modo di porsi profuma di forte ardore friulano, la sua terra d'origine. La gentilezza del sorriso e la forte propensione nell'arte dell'ironia smorzano dolcemente il carattere combattivo di un artista sempre pronto al confronto leale e diretto, uno scambio che non prevede falsità o mediazioni impensabili per chi, da oltre trent'anni, esplora le terre abitate dal suono e dai suoi selvaggi abitanti.

leggi l'intervista di Mirco Salvadori qui